Lettera al Direttore “Il Foglio Quotidiano”

Lettera al Direttore

Pubblicata su “Il Foglio Quotidiano” il 22 giugno 2018

Nella nostra vita non siamo mai stati adusi a sparare su persone o partiti in difficoltà ma questa regola aurea cessa quando è in gioco l’interesse nazionale. E’ infatti un interesse della Repubblica avere un sistema politico fatto di partiti che abbiano una vita democratica al proprio interno ed un’autonomia di giudizio e decisioni svincolati da imposizioni esterne. Insomma un partito di donne ed uomini liberi in un Parlamento in cui deputati e senatori siano altrettanto liberi da vincoli di ogni genere. Questa è la democrazia liberale disegnata dalla nostra Carta costituzionale e vissuta da settanta anni di lotte iniziate con la resistenza e continuata contro il terrorismo brigatista e lo stragismo di destra oltre che naturalmente contro tutte le mafie. E’ questo il motivo per cui oggi parliamo del movimento 5 stelle il cui livello autoritario lo abbiamo intravisto e descritto sin dalla sua nascita. Le vicende degli ultimi giorni gettano però un’ulteriore ombra lunga su di un partito che il voto popolare lo ha indicato come il partito di maggioranza relativa. Tralasciamo gli aspetti giudiziari che non ci competono e anche perché chiunque è innocente sino a sentenza passata in giudicato  (lo ricordi il nuovo ministro della giustizia che sembra avere un occhio di riguardo verso una piccola minoranza di magistrati fondamentalisti e fuori dallo spirito e dalla lettera della nostra costituzione).Quel che ci riguarda, invece, è la natura politica del partito di maggioranza relativa alla luce di quel che leggiamo dalle intercettazioni e dalle notizie di cronache. Un partito in cui il leader vero, quello che ha il consenso nel paese e cioè Beppe Grillo, è fuori dal Parlamento e privo di ruoli formali nella vita interna del partito salvo la funzione generica di garante che si trasforma però in vincoli di linea politica e di comportamenti cui devono attenersi i singoli parlamentari e tutti i rappresentanti nelle assemblee elettive. Insomma un ruolo autoritario senza se e senza ma come si usa dire. Da questo garante fuori da ogni controllo democratico il potere si trasferisce ad una società a responsabilità limitata, la Casaleggio Associati, che ha messo al servizio del partito una piattaforma informatica e il cui amministratore delegato è l’esecutore della volontà del sommo garante. Entrambi decidono i ruoli dei singoli parlamentari e dei membri del governo trasferendo gli ordini al cosiddetto capo politico che nella sua dizione di capo evoca un autoritarismo antico sinora sconosciuto nel linguaggio repubblicano. Ma non è finita. Scopriamo ora, e ne siamo sconcertati, che un avvocato genovese, Luca Lanzalone, amico del sommo garante, non solo ha avuto il compito di scrivere lo statuto del partito di stampo leninista approvato senza che un fil di voce si levasse contro, ma è stata inviato a Roma da un lato per commissariare una sindaca eletta che si è lasciato dolcemente commissariare e poi per sovrintendere ad un mare di nomine pubbliche fuori da ogni visibilità democratica e da ogni controllo politico. E non è un caso che mai come ora i parlamentari del Movimento  cinque stelle sono portati ad ubbidir tacendo e tacendo votare. Per dirla in breve il maggior partito del paese ha “esternalizzato” la gestione del potere democratico a personaggi fuori dal partito e fuori dal Parlamento. E se vale, e come vale, la proprietà transitiva, parte rilevante della gestione del potere della Repubblica è stato messo in mani non titolate, prive di ruoli formali e fuori da ogni controllo democratico sostanziale. A tutto ciò si sta, sottovoce, ribellando anche un piccolissimo gruppo di parlamentari grillini. E’ questo, dunque, il vero cambiamento che rischia di mutare nel profondo il profilo della nostra Repubblica avvelenando i pozzi della democrazia cianciando di utopie stellari di un governo della piazza virtuale con un clic personalizzato. Purtroppo si dimentica che in ogni tempo ed in ogni piazza la individualità di ciascuno si diluisce e si massifica in un unico impasto di voci alimentando così l’autoritarismo di tribuni della plebe che a loro volta mettono lentamente in soffitta le pratiche fondamentali della democrazia liberale lasciando spazi sempre maggiori ad interessi oscuri e spesso intollerabili. E’ tempo che il paese nelle sue energie migliori si svegli, che i corpi intermedi ritrovino voce e coraggio, che gli intellettuali di ogni estrazione culturale e politica diano il loro indispensabile contributo ad un pensiero moderno che affondi le proprie radici in quello antico spazzando via il prima possibile ogni forma di autoritarismo strisciante ed ogni aspetto di pressappochismo sciatto e deleterio e che l’informazione rilanci, nella propria diversità, il culto della democrazia rappresentativa che ci è stata consegnata dal sangue dei nostri padri. E’ tempo che tutto questo accada prima che sia troppo tardi.

paolocirinopomicino@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguimi su Twitter!

Categorie

Archivi