La Tav, le grandi opere, le sciocchezze alla Toninelli. Che ne sarà del PD?

Le sciocchezze si susseguono in ogni occasione con lo stesso incipit di sempre evitando di informarsi su cosa accade e perché accade. Il casino sulla A22, l’autostrada del Brennero, ha evocato dal più pittoresco ministro di questo governo, Danilo Toninelli, il solito mantra, “la concessione è scaduta nazionalizziamo la gestione”. Ma come bisogna spiegare a questi signori che prima di parlare bisognerebbe conoscere e prima di decidere bisognerebbe pensare? Il…

Leggi di più

Viva Calenda

Lo sforzo di Carlo Calenda che ha redatto un manifesto per l’Europa che vorremmo va apprezzato ed incoraggiato. Calenda coglie alcune esigenze politiche smarrite da tempo perché travolte dalla frantumazione dei partiti, prima fra tutte la ricerca di un minimo comune denominatore in grado di riavvolgere, per quanto possibile, quel magma informe in cui ballano protagonisti senza storia e senza futuro ma che sanno pur sempre far male al…


Giulio Andreotti. La politica, i misteri e la visione internazionale

Caro direttore la Cassazione nel confermare la sentenza della corte di appello nel processo Andreotti sule vicende anteriori al 1980 trovò il modo di dire «la ricostruzione dei singoli episodi e la valutazione delle relative conseguenze è stata effettuata in base ad apprezzamenti e interpretazioni che possono anche non essere condivise e a cui sono contrapponibili altre dotate di eguale forza logica che non possono essere censurate in sede di legittimità»….


Andreotti, vaccino contro la mediocrità

Il 14 gennaio del 1919 nasceva a Roma Giulio Andreotti, uno dei leader politici che avrebbe caratterizzato la vita politica dell’Italia e dell’Europa nella seconda metà del novecento. Coincidenza storica e preveggente, quattro giorni dopo la sua nascita, il 18 gennaio 1919 Luigi Sturzo lanciò l’appello ai liberi e i forti fondando il partito popolare che nel secondo dopoguerra si chiamerà Democrazia cristiana e di cui Andreotti sarà uno…